Cos'è ToBeThat

Un processo di disidentificazione e insight che include una forma di inquiry guidato che ha come oggetto di indagine il "senso di essere". Esso facilita un cambiamento radicale nell'esperienza delle persone che iniziano a vivere se stesse come coscienza libera piuttosto che soltanto in base ai processi di costruzione del sé statico, autobiografico, autoreferente e identificato con il corpo-mente e le sue funzioni, e dell'annesso senso di agentività ToBeThat è uno strumento innovativo, particolarmente utile se integrato alla mindfulness e ad un percorso di scoperta di se stessi.


OBIETTIVO

Generare una disidentificazione dai fenomeni dell'esperienza soggettiva e promuovere un insight circa la propria identità, che diviene comprensibile come trascendente la dicotomia soggetto-oggetto e insieme immanente alla dicotomia soggetto-oggetto, pur rimanendo non definibile tramite qualsiasi linguaggio.

Quando tale obiettivo è perseguito il cambiamento generato è permanente e il soggetto non può più identificarsi totalmente con una qualsiasi entità, ma potrebbero permanere delle forme di identificazione temporanee e parziali. Allo stesso tempo diviene accessibile in ogni momento, anche durante un'identificazione temporanea e parziale, la coscienza non-duale (altrimenti detta meta-consapevolezza, che in alcune tradizioni è stata chiamata mente liberata, coscienza senza separazione, non-mente, mente del Buddha, osservatore e in molti altri modi).

Tale cambiamento permette l'emergere di un modo di vivere l'esperienza che non contempla la separazione. Nella misura in cui questo permette uno spontaneo lasciar andare il tentativo di cambiare l'esperienza in qualche modo, ed emergono comprensioni sempre più adeguate sulla natura della realtà, uno spontaneo decadere dell'insoddisfazione emerge. Quando questo senso di insoddisfazione, che è la base di una grande pletora di esperienze spiacevoli, viene a mancare, un profondo senso di benessere inizia ad esprimersi, anche nelle situazioni più difficili.

Successivamente all'applicazione di ToBeThat un eventuale approfondimento della disidentificazione e dell'insight, coadiuvato da altri strumenti, può permettere al cambiamento innescato di divenire non solo permanente, ma anche onnipervasivo ogni esperienza. In questo caso le rimanenti identificazioni parziali e temporanee scompaiono e la percezione di separazione si scioglie completamente. Non vi è più la possibilità di vivere una qualsiasi forma di insoddisfazione, qualsiasi sia la piacevolezza, neutralità o spiacevolezza dell'esperienza vissuta

Video introduttivi

parallax background

Le Fasi

L'utilizzo di ToBeThat e la formazione relativa al suo utilizzo è autorizzata soltanto dall'autore. ToBeThat è composto da diverse fasi, che comprendono:

  • Una selezione iniziale che include una valutazione psicologica

  • Una preparazione

  • L'inquiry guidato sul "senso di essere"

  • L'elaborazione

  • La verifica

  • La valutazione dei cambiamenti emersi

  • L'eventuale applicazione modificata dell'inquiry

  • Ed infine una fase di esplorazione dell'esperienza soggettiva, di psico-educazione sul funzionamento mentale conseguente all'uso di ToBeThat, oltre che di condivisione di strumenti utili ad espandere il processo di disidentificazione e insight nella sua profondità e nelle varie aree di vita.

L'autore

Gianluca Ostuni


Dott. Gianluca Ostuni, Psicologo in ambito clinico e della comunità, Insegnante MBSR qualificato con il Center for Mindfulness dell'Università del Massachusetts, Insegnante di Mindfulness Psicosomatica.
Logo-ToBeThat-Trasparente.fw

Bibliografia

  • Almaas, A. H. (2007). Enneagramma delle idee sacre. Aspetti molteplici della realtà. Roma, Astrolabio.
  • Almaas, A. H. (2008). La pratica della presenza per realizzare la nostra vera natura. Roma, Astrolabio.
  • Carmody, J., Baer, R.A., Lykins, E.L.B., & Olendzki, N. (2009). An empirical study of the mechanisms of mindfulness in a mindfulnessbased stress reduction program. Journal of Clinical Psychology, 65, 613–626.
  • Claxton, G. (2006). Nirvana and neuroscience: The self-liberating brain. In D.K. Nauriyal, M.S. Drummond, Y.B. Lal (Eds.), Buddhist thought and applied psychological research: Transcending the boundaries (pp. 93-111). New York, NY: Taylor & Francis Routledge.
  • Culadasa, Immergut, M., Graves, J. (2019). La mente illuminata. Una guida completa per imparare a meditare alla luce delle neuroscienze, Mondadori, Milano.
  • Davis, J. H., & Vago, D. R. (2013). Can enlightenment be traced to specific neural correlates, cognition, or behavior? No, and (a qualified) Yes. Frontiers in Psychology, 4, 870
  • Epstein, M. (1988). The deconstruction of the self: ego and “egolessness” in Buddhist insight meditation. J. Transpers. Psychol. 20, 61–69.
  • Fioruzzi, M. Digambara (n.d.). Homepage. La classe del risveglio e della liberazione. Consultato in Novembre 5, 2019, da http://laclassedelrisveglio.blogspot.com/ .
  • Goldstein, J. (2016). Mindfulness. Una guida pratica al risveglio. Roma, Ubaldini.
  • Gyatso, T. (1986). Benevolenza, chiarezza e introspezione. Roma, Ubaldini.
  • Gyatso, T. (2017). Verso l’illuminazione. Come la meditazione insegna la felicità. Milano, Mondadori.
  • Hölzel, B. K., Lazar, S. W., Gard, T., Schuman-Olivier, Z., Vago, D. R., and Ott, U. (2011). How does mindfulness meditation work? Proposing mechanisms of action from a conceptual and neural perspective. Perspect. Psychol. Sci. 6, 537–559.
  • Hurk, P. van der, Giommi, F., & Barendregt, H. (2012, Dicembre). Meta-awareness as fundamental working mechanism in mindfulness meditation. Disponibile il 22 Ottobre 2019, da ftp://ftp.theochem.kun.nl/pub/CompMath.Found/FG.LWS.pdf.
  • Kabat-Zinn, J. (2016). Vivere momento per momento. Come usare la saggezza del corpo e della mente per affrontare lo stress, il dolore, l’ansia e la malattia. Milano, Garzanti.
  • Kerr, C.E., Josyula, K., & Littenberg, R. (2011). Developing an observing attitude: An analysis of meditation diaries in an MBSR clinical trial. Clinical Psychology & Psychotherapy, 18, 80–93.
  • McCown, D., Reibel, D., Micozzi, M.S., (2010). Teaching mindulness. A pratical guide for clinicians and educators. Londra, Springer.
  • Olendzki, A. (2006). The transformative impact of non-self. In D.K. Nauriyal, M.S. Drummond, Y.B. Lal (Eds.), Buddhist thought and applied psychological research: Transcending the boundaries (pp. 250–261). New York, NY: Taylor & Francis Routledge.
  • Sayadaw, M. (1992). On the Nature of Nibbana. Mayasia: Subang Jaya Buddhist Association.
  • Sayadaw, M. (1994). The Progress of Insight: (Visuddhiñana-katha). Consultato in Novembre 26, 2019, da http://www.accesstoinsight.org/lib/authors/mahasi/progress.html
  • Segal, Z. D., Williams, J. M. G., Teasdale, J. D. (2014). Mindfulness. Al di là del pensiero, attraverso il pensieri. Torino, Bollati Boringhieri.
  • Shapiro, S., Carlson, L., Astin, J., & Freedman, B. (2006). Mechanisms of mindfulness. Journal of Clinical Psychology, 62(3), 373–386.
  • Sujiva, B., (2012). L’albero della saggezza. Il fiume del non ritorno. Disponibile il 30 Ottobre 2019, da https://www.piandeiciliegi.it/images/docs-pdf/Alberodellasaggezzafnl.pdf.
  • Teasdale, J. D., & Chaskalson, M. (Kulananda). (2011). How does mindfulness transform suffering? I: The nature and origins of dukkha. Contemporary Buddhism. 12. 89-102.
  • Teasdale, J. D., & Chaskalson, M. (Kulananda). (2011). How does mindfulness transform suffering? II: the transformation of dukkha, Contemporary Buddhism, 12:1, 103-124.
  • Thanissaro, B. (2004). Anuradha Sutta: To Anuradha, translated from the Pali by Thanissaro Bhikkhu. Consultato in data Gennaio 26, 2020, da http://www.accesstoinsight.org/tipitaka/sn/sn22/sn22.086.than.html .
  • Xiao, Q., Yue, C., He, W., & Yu, J. Y. (2017). The mindful self: A mindfulness-enlightened self-view. Frontiers in psychology, 8, 1752.

Contatti